Agenti cancerogeni e mutageni durante il lavoro

È stato adottato in data 11 febbraio 2021 il Decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali e del Ministro della Salute che recepisce la direttiva (UE) 2019/130 del Parlamento europeo e del Consiglio del 16 gennaio 2019 nonché la direttiva (UE) 2019/983 del Parlamento europeo e del Consiglio del 5 giugno 2019, che modificano la direttiva (CE) 2004/37 del Parlamento europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004 sulla protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da un’esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni durante il lavoro.

Con questo provvedimento sono sostituiti gli Allegati XLII e XLIII al decreto legislativo n. 81 del 2008, aggiornandone il contenuto in conformità con le disposizioni introdotte dalle citate direttive (UE) 2019/130 e (UE) 2019/983 che modificano a loro volta la direttiva (CE) 2004/37. Va ricordato che gli allegati predetto erano stati già modificati dal D.Lgs. 1 giugno 2020, n. 44 in attuazione della direttiva (UE) 2017/2398. All’Allegato XLII del D. Lgs. n. 81/2008 (Elenco di Sostanze, Miscele e Processi) sono stati aggiunti: Lavori comportanti penetrazione cutanea degli oli minerali precedentemente usati nei motori a combustione interna per lubrificare e raffreddare le parti mobili all’interno del motore. Lavori comportanti l’esposizione alle emissioni di gas di scarico dei motori diesel. Tale integrazione era necessaria alla luce delle indicazioni riportate nella direttiva 2019/130, che aveva segnalato come “vi sono sufficienti elementi di prova della cancerogenicità degli oli minerali usati nei motori a combustione interna per lubrificare e raffreddare le parti mobili all’interno del motore”. In particolare il Comitato scientifico per i limiti d’esposizione professionale aveva “individuato la possibilità che tali oli siano assorbiti in misura significativa attraverso la pelle e concluso che l’esposizione professionale avviene per via cutanea” e il Comitato Consultivo per la Sicurezza e la Salute sul lavoro ha “convenuto che gli oli motore minerali usati dovrebbero essere aggiunti alle sostanze, miscele e procedimenti cancerogeni. In relazione alle emissioni di gas di scarico sono state rilevati “sufficienti elementi di prova della cancerogenicità delle emissioni di gas di scarico dei motori diesel derivanti dalla combustione di gasolio nei motori ad accensione spontanea. Il Comitato Consultivo per la Sicurezza e la Salute sul lavoro ha convenuto che le emissioni di gas di scarico dei motori diesel tradizionali dovrebbero essere aggiunte alle sostanze, miscele e procedimenti cancerogeni e ha richiesto ulteriori indagini sugli aspetti scientifici e tecnici dei nuovi tipi di motori”. L’Agenzia Internazionale di Ricerca sul Cancro “ha classificato i gas di scarico dei motori diesel come cancerogeni per l’uomo e ha precisato che, se è vero che l’entità di particolato e sostanze chimiche è ridotta nei nuovi tipi di motori diesel, non è però ancora chiaro in che modo le modifiche quantitative e qualitative possano incidere sulla salute. Inoltre l’’Agenzia Internazionale di Ricerca sul Cancro ha precisato che il carbonio elementare, che costituisce una quota significativa di tali emissioni, è comunemente utilizzato come marcatore di esposizione”. Il nuovo Allegato XLIII del D. Lgs. n. 81/2008 (Valori limite di esposizione professionale) vede l’introduzione di nuovi agenti ed in particolare:

  • Tricloroetilene

  • 14,4 ‘- Metilendianilina

  • Epicloridrina

  • Etilene dibromuro

  • Etilene dicloruro

  • Cadmio e suoi composti inorganici

  • Berillio e composti inorganici del berillio

  • Acido arsenico e i suoi sali e composti inorganici dell’arsenico

  • Formaldeide

  • 4,4’Metilene-bis (2 cloroanilina)

  • Emissioni di gas di scarico dei motori diesel

  • Miscele di idrocarburi policiclici aromatici, in particolare quelle contenenti benzo[a]pirene, definite cancerogene ai sensi della direttiva 2004/37

  • Oli minerali precedentemente usati nei motori a combustione interna per lubrificare e raffreddare le parti mobili all’interno del motore

SERVIZI

scopri di più